Comuni e agricoltori insieme per risollevare il settore

0
9

L’Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci) e la Confederazione Italiana Agricoltori (Cia) hanno firmato la Carta di Matera per costruire una nuova politica agraria nazionale e regionale che, partendo dal territorio, dia supporto agli enti locali.

“Con questo primo passo comune speriamo di dare un contributo per rimettere in moto la crescita della Puglia puntando su un settore, quello dell’agricoltura, che ha grandi potenzialità. La nostra è un’adesione convinta per contribuire alla crescita dei nostri territori.

Condividiamo appieno gli obiettivi della carta di Matera nella quale il supporto dei Comuni pugliesi è ritenuto fondamentale per la costruzione di una nuova politica agraria nazionale e regionale” ha detto Luigi Perrone, presidente dell’Anci Puglia, apponendo la sua firma che impegna tutti i Comuni della Puglia a collaborare con gli agricoltori per superare questo momento di crisi.

 “Per affrontare tutto questo è necessario, oggi più che mai, lavorare insieme agli enti locali stabilendo rapporti e stipulando accordi, concordando indirizzi e programmi di attività e soprattutto attuando politiche sul territorio a favore di tutta la collettività” ha detto il presidente della Cia Puglia, Antonio Barile, suggellando l’accordo stamattina nella sede dell’Anci.

La Carta di Matera promuove un patto tra le organizzazioni degli agricoltori e gli amministratori locali fondato su principi come la rivalutazione dell’attività agricola in tutte le sue forme, la salvaguardia del suolo, dell’ambiente e la valorizzazione del rapporto tra cibo e territorio, con le firme s’inaugura ufficialmente un nuovo rapporto tra agricoltori e Comuni pugliesi.

L’accordo rispecchia anche le richieste dell’unione europea che, a cominciare dalla riforma della Pac post 2013, pone l’accento sui cambiamenti climatici, sulle energie rinnovabili, sulle risorse idriche e sulla salvaguardia della biodiversità, tutti fattori che influenzano notevolmente l’agricoltura locale.

Rosaria Albanese

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here