San Marco in Lamis: 11 cani avvelenati, Foggia chiede giustizia

0
5

La mano dell’uomo che doveva difendere delle creature indifese, è diventata la mano del carnefice ed ha fatto una strage. Le lacrime di una donna, Antonietta Torelli presidente dell’associazione ‘Arca di Noè’, che per anni si è presa cura di queste creature innocenti, non serviranno a lavare il peccato di chi ha avuto il coraggio di compiere un’azione del genere.

Ma in tutto questo, dov’era l’amministrazione comunale? Dov’era il sindaco Angelo Cera? Tutti i cani randagi infatti, per legge appartengono ai sindaci e sono loro i primi a doversi occupare del loro benessere e salvaguardia. Invece niente. E al danno si aggiunge la beffa di chi lavora in Comune e afferma: “Meglio così, abbiamo risolto il problema di questi randagi”.

Allora signori, ricordiamoci tutti che ogni Comune e Asl sul territorio riceve i sovvenzionamenti dalla Regione Puglia per la lotta al randagismo che si dovrebbe effettuare con le sterilizzazioni e la creazione di strutture idonee al loro mantenimento. E invece dove vanno a finire questi soldi? Soldi pubblici che appartengono a tutti noi? Le amministrazioni e le Asl sono mantenute da noi e non ci fanno un piacere nel fare il loro lavoro, siamo noi che pagando le tasse ne facciamo uno a loro.

Non risulta vergognoso che nessuno, a parte i Carabinieri, si siano presentati a fare il loro dovere? Non è vergognoso che i vigili non volessero trasportare le carcasse degli animali uccisi nella loro macchina perché “si sarebbe sporcata!”. E non è vergognoso che volessero rimuovere le carcasse con i sacchi della raccolta delle olive invece che con i sacchi appositi?

Tutti i volontari della provincia di Foggia e della Puglia stanno organizzando una manifestazione per chiedere giustizia e tutto ciò che serve affinché, situazioni del genere non si verifichino più. Intanto chiediamo a tutti coloro che vorranno aiutare i volontari, di scrivere all’e-mail del sindaco all’indirizzo sindaco@comune.sanmarcoinlamis.fg.it
Per chiedere che si faccia luce sui fatti avvenuti e vengano denunciati i colpevoli.

Grazie!

I volontari per i randagi della provincia di Foggia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here