Reddavide vicesindaco di Cerignola. Ma a che pensa Giannatempo?

0
6

Il 30 aprile Franco Reddavide prende il posto di Roberto Ruocco e assume le deleghe a Programmazione e Rapporti con gli Enti. È lui, ex assessore alla Sicurezza scacciato a furor di popolo e Consiglio, il nuovo vicesindaco del Comune di Cerignola.

L’incarico gli è stato affidato dal sindaco Antonio Giannatempo che, approfittando del clima di festa, gli ha attribuito anche le deleghe alla Programmazione e ai Rapporti con gli Enti. A giustifica della manovra “la necessità, per motivi istituzionali, di procedere ad un ulteriore riassetto della Giunta comunale”.

Una spiegazione flebile: se di Ruocco il primo cittadino poteva manifestare l’intenzione di voler sfruttare contatti e posizioni, se alla base degli altri rimpasti vi erano le richieste di una ‘scollata’ maggioranza, dietro questa scelta non vi si scorge alcuna apparente logica motivazione.

Reddavide (sia chiaro non discutiamo su un piano personale ma meramente politico) durante il suo mandato non ha soddisfatto né cittadini né Consiglio tanto da ricevere un neanche troppo dolce commiato dallo stesso sindaco.

Che abbia contatti ‘altolocati’ in altri enti non ci rusalta, né che abbia a credito soddisfacenti precedenti esperenze nei settori ora di competenza. Insomma se a giustificare il sì di Reddavide, ad un occhio cattivo e maligno, potrebbe essere il fattore economico, il sì di Giannatempo, a quanto sembra deciso in solitario, appare come lo slacciarsi il paracadute durante un volo nel vuoto.

Che il neo vicesindaco abbia documenti o foto compromettenti del suo superiore? Ci prendiamo il lusso di scherzarci su per offrirvi una dolce risata, certi che l’amaro sarà servito in Comune.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here