Emergenza casa, le donne di Foggia ci raccontano grazie e disgrazie

0
12

Sono famiglie che vivono il disagio di una crisi che si prolunga da troppi anni, non hanno titoli di studio né particolari competenze così, se in tempi più floridi riuscivano a cavarsela tra campagne cantieri e lavoretti vari, oggi, in tempo di vacche magre, vengono sputati fuori dal mondo del lavoro.

È gente che confida in quell’assistenzialismo, paventato nelle campagne elettorali ma difficilmente applicabile nella realtà, anche per avere un tetto sulla testa. È quella gente per cui l’emergenza lavoro diventa emergenza abitativa per trasformarsi poi in disperazione, rabbia, crisi matrimoniale e familiare.

Sono le loro storie quelle che vi proporremo nelle prossime settimane, tutte raccontate da una prospettiva femminile, sì perché oggi come allora sono le donne a far la rivoluzione, a presidiare i Comune, ad allertare la stampa, a mettere da parte orgoglio e pudore in nome di qualcosa di più, in nome dei propri figli.

Cercheremo allora di documentare il loro stile di vita senza pregiudizi, senza schierarci, per capire se vi siano speculazioni del politico di turno, dell’imprenditore o del cittadino stesso, se vi sia una vera necessità o un’ingiustificata pretesa, se sia giusto o meno parlare di assistenzialismo o se ognuno dovrebbe vivere secondo le proprie forze facendo le proprie rinunce.
Dunque, a noi il compito di documentare, a voi quello di valutare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here