Arte, musica ed enogastronomia, la cena solidale di Foggia

0
2

Alla serata di solidarietà partecperanno i fotografi Quim Martinez Chepero e Sebastian Vilarino, autori degli scatti in mostra e in vendita. Il ricavato della cena preparata dal food chef Stefano Delli Carri e allietata dalla musica di Francesco Di Cristofaro e Aldo Grillo, seguiti da ReDJ e della vendita delle fotografie verrà totalmente devoluto a ‘Los Ninos de Topsia’.

Quim Martinez Chepero è nato il 2ottobre 1981 a San Vicent de Castellet (Barcellona) e si scopre fotografo quando ormai era già diventato un viaggiatore. Una passione che nasce dal bisogno di comunicare e condividere quei valori di umanità che trasmettono i volti della gente incontrata per il cammino.

Sebastian Vilarino è un fotografo freelance e cineasta, esperto nella fotografia 360 panoramic e nei video. Il suo motore è la curiosità, per sapere cosa succede nei luoghi nascosti del mondo, ascoltare le voci silenziose di coloro che sono stati dimenticati. Il viaggio a piedi in luoghi che non sono indicati su una mappa diventa una grande sfida, soprattutto in materia di comunicazione. Attraverso la fotografia, Vilarino esprime l’inesprimibile: storie di vita, testimonianze che aprono le porte a migliaia di storie: “quando le parole mancano, le immagini parlano e trasmettono”.

Lo chef Stefano Delli Carri, foggiano, 26 anni, si è formato prima a Londra (dove ha fatto lo chef per 4 anni), poi tra Giappone, Cina, Tibet, India, Nepal, Malesia, Filippine e Thailandia (mezzo viaggiatore e mezzo turista in cerca di un ‘perché’ per altri 2 anni). E questo ‘perché’ Stefano l’ha sempre rintracciato nella solidarietà, nel sostegno alle popolazioni più povere.

Menù del Buffet: papad (pane carasau stile indiano), babaganush (patè di melanzane), hummus, curry di pollo, zuppa di zucca, ginger e arancia | zuppa di broccoli, ginger, cumino e  peperoncino, chai, Pannacotta, sorbetto (ginger, gin e cardamomo). Per partecipare all’evento è obbligatorio ritirare l’invito dal costo di 15 euro.

Francesco di Cristofaro suona bansuri, nay, duduk, fisarmonica. Ha studiato pianoforte all’accademia musicale ‘Anfione’ di Sant’Arpino (CE) tenendo esami in conservatorio e parallelamente ha studiato flauto traverso e fisarmonica. Attualmente frequenta il corso di laurea in ‘Tradizioni musicali extraeuropee e bansuri’ al conservatorio ‘A. Pedrollo’ di Vicenza, partecipa a vari masterclass di musica indiana tra cui Hariprasad Chaurasia, Ritwick Sanyal e Lorenzo Squillari.

L’interesse per le musiche dal mondo lo portano a studiare duduk armeno con il maestro Gevorg Dabagyhan alla fondazione “G.Cini” di Venezia, nay arabo con Marzouk Mejri, nay turco e flauti irlandesi.

Aldo Grillo suona percussioni arabe, tabla, santoor. Ha iniziato i suoi studi musicali con maestri qualificati dedicandosi allo studio di strumenti a percussione appartenenti alla tradizione popolare del sud Italia e più in generale alla tradizione popolare dei paesi dell’area Mediterranea. Ha frequentato la classe di percussioni classiche del conservatorio ‘U. Giordano’ di Rodi Garganico.

Attualmente frequenta il corso accademico ‘Tradizioni musicali extraeuropee ad indirizzo indologico e tabla’, al conservatorio ‘Arrigo Pedrollo’ di Vicenza. Nel 1992 inizia la sua attività concertistica come percussionista e nel 1993 fonda con altri musicisti il Follorum Ensemble, gruppo dedito allo studio e alla ricerca della musica medievale e rinascimentale con il quale partecipa a numerosi concerti e festival di musica antica.

Nel 1994 segue corsi e seminari di musica antica presso la scuola di musica popolare di Forlimpopoli studiando musica d’insieme e percussioni del medio oriente con Marco Ambrosini e Katharina Dustman dell’ensemble di musica antica Ony Witars. Dal 1997 frequenta l’Istituto Interculturale di Musica Comparata di Venezia (IIMC) dove studia percussioni armene (dheol e riqq) con Georges Chekherdemien e percussioni indiane (tabla) con il Pandit Sankha Chatterjee di Calcutta.

Il ricavato della serata verrà totalmente devoluto a “Los Ninos de Topsia”. La Ong Los Ninos de Topsia nasce nel 2007 con l’intento di dare accesso all’educazione gratuita ai bimbi dello slum di Topsia, a Calcutta. Da 3 anni la Ong vanta anche un centro educativo nello stesso slum dove si lavora con e per i bambini e le loro famiglie. Nel centro gli educatori non solo istruiscono i bambini ma li educano in senso lato, seguendo i principi universali dello sviluppo umano.

La fondatrice, Kika Simon è una donna che ha creato e sostiene tutto questo da sola, mossa solo dalla voglia di cambiare. La Ong non è sostenuta da nessun ‘main sponsor’. Kika Simon divide la sua vita lavorando e mettendo da parte i soldi per 6 mesi l’anno in Spagna e per gli altri 6 mesi si trasferisce a Calcutta dove investe ogni risparmio per i bambini di Topsia.
Al link https://www.youtube.com/watch?v=GnnW4GJ_9jw un documentario racconta le condizioni in cui vivono los ninos de Topsia e le attività della Ong.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here