Festa a Borgo Libertà: musica, fuochi e religiosità

0
14

Si svolgerà venerdì 27 e sabato 28 luglio la festa di Borgo Libertà, che avrebbe dovuto tenersi lo scorso fine settimana. A optare per il rinvio della manifestazione è stata tutta la comunità, durante colpita dalla morte di Giovanni Laurenzano, 19 anni, di Orta Nova, deceduto venerdì 13 in un incidente stradale, poche ore prima dell’inizio della festa stessa.

Un fatto che ha colpito tutti i residenti: Giovanni, infatti, era molto legato a don Leonardo Torraco, amministratore parrocchiale della chiesa della borgata, dal prossimo 5 agosto parroco della stessa. 

“Mi ha sempre seguito e collaborato con me – dice don Leonardo -. Questo è avvenuto quando sono stato vicario parrocchiale a San Trifone, quando ho curato la parrocchia di Sant’Antonio e anche a Borgo Libertà. La gente della frazione, dopo averlo conosciuto, ne aveva apprezzato le doti umane e il desiderio di impegnarsi per rendere più bella questa borgata.

Anche per queste persone, insomma, la scomparsa di questo ragazzo sensibile e generoso è stata una notizia terribile. La prima sera della festa sarà dedicata al suo ricordo”. Venerdì 27 don Leonardo celebrerà una Messa; seguiranno la processione del Sacro Cuore e la benedizione della cantina della cooperativa locale.

In programma anche momenti di intrattenimento, con l’esibizione degli sbandieratori della Parrocchia di San Trifone e l’installazione di gonfiabili per far divertire i più piccoli. Sabato 28, invece, ci si potrà divertire con uno spettacolo di fuochi pirotecnici e una perfomance della “New York Band” di Orta Nova, un’orchestra di 20 elementi diretta dal maestro Francesco Ariemme.

“Questa festa è un’occasione per riunire ed aggregare chi vive a Borgo Libertà, per rafforzare il senso di comunità in una zona di Cerignola che merita lo stesso rispetto di tutte le altre – dice don Leonardo -. Per questa città le borgate possono costituire una ricchezza sotto tutti i punti di vista. La loro distanza dal centro urbano non autorizza nessuno a dimenticarle.

In questo senso ho molto apprezzato i recenti sforzi messi in campo dall’Amministrazione Comunale per ridare decoro e dignità a Borgo Libertà, a cui la recente ripulitura di strade ed aiuole ha dato nuova linfa. Ho visto l’assessore competente Mennuni molto impegnato a tal proposito; a lui e agli altri amministratori chiedo di proseguire questo lavoro, anche intervenendo per rendere più sicura la strada principale di accesso all’abitato, che è stretta ed il cui attraversamento è reso ancora più pericoloso dagli alberi che sporgono dai lati”.

Una sollecitazione che Mennuni raccoglie volentieri: “Con l’aiuto dei alcuni tecnici  verificheremo lo stato di salute degli alberi e conseguentemente decideremo il da farsi nel rispetto delle norme, così da rendere più sicura la strada in questione”.

Di questo e altro si è parlato ieri sera in una riunione dei residenti a Borgo Libertà a cui ha preso parte lo stesso Mennuni e durante la quale Elio Lisi è stato eletto presidente del Comitato di Borgata, composto anche da Antono Lisi, vicepresidente, e da Franco Simone, Franco Cassanelli, Lorenzo Simone, Carmine Simone e Anna Pia Antonacci.

Un incontro nel quale è stato posto l’accento sulla necessità di una più forte illuminazione delle strade attraverso un numero superiore di punti luce rispetto a quelli attualmente presenti e che ha registrato il desiderio dei residenti di essere maggiormente coinvolti nelle iniziative di valorizzazione del complesso monumentale di Torre Alemanna che l’Amministrazione intende attuare a breve e medio termine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here