Sos Impresa-Rete per la Legalità: contro racket Foggia chiama governo

0
10

La delegazione ha illustrato al vice ministro le linee guida del documento programmatico che sarà presentato ufficialmente nell’ambito dell’assemblea nazionale che si terrà a Roma il prossimo 8 ottobre. All’assemblea hanno assicurato la loro partecipazione il vice ministro ed il commissario nazionale antiracket Santi Giuffrè.

Nel corso dell’incontro che si svolto in un clima di cordiale e fattiva intesa i rappresentanti del movimento antiracket e antiusura no-profit hanno quindi evidenziato la necessità di pervenire in tempi rapidi ad una razionalizzazione e maggiore specializzazione di tutti i volontari ed operatori in seno alle organizzazioni antiracket e antiusura.

Si è posto l’accento sulla opportunità di livelli di formazione e aggiornamento dei volontari senza preclusioni autoreferenziali e, anzi, aprendosi al mondo universitario e della ricerca criminologica e socio economica. L’orizzonte della lotta la racket e all’usura, è stato detto nel corso dell’incontro, va esteso ad un arco più ampio e che coinvolga tutta la società e le sue espressioni economiche, sociali, culturali e religiose.

È stato espresso, quindi, un giudizio critico sulla efficacia dell’attuale quadro normativo antiracket e antiusura ed è stata anticipata la richiesta di istituzione di una vera e propria autority che metta a sistema e rilanci una nuova politica di prevenzione e contrasto efficace contro i due crimini principali delle organizzazioni mafiose. I dirigenti di Sos Impresa-Rete per la Legalità hanno auspicato che anche l’associazionismo ritorni sui ‘giusti binari’, proprio per riacquistare l’autorevolezza degli esordi e salvaguardare i “principi di fondo dell’antimafia”.

Sos Impresa e Rete per la Legalità sono pronte a fare la loro parte e chiedono al Governo e alle forze politiche di porre la lotta alla mafia al centro dell’azione politica del Governo in modo chiaro e diffuso. Bubbico ha detto che è ora di superare la retorica dell’antimafia e di una legalità generica ed inconcludente a favore di una nuova etica dell’impegno civile, popolare ed etico contro le mafie, capace di ridare forza e concretezza all’intero movimento antiracket e antiusura che ha bisogno di ritrovare una nuova identità più matura ed adeguata alle nuove sfide che le nuove mafie pongono a tutta la società e all’intero Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here