Foggia, maltempo danneggia agricoltura. Via alla prevenzione

0
11

L’eccezionale ondata di maltempo che da ieri si sta abbattendo in Puglia, sta causando ingenti danni alle campagne foggiane. La preoccupazione maggiore deriva dal fatto che questi catastrofici rovesci possano durare anche nei giorni a seguire.

Il primo allarme viene lanciato da Umberto Porrelli, presidente provinciale dell’Alpaa Cgil, l’associazione lavoratori produttori dell’agroalimentare ambientale, il quale afferma che il circa il 60% delle produzioni vitivinicole è andato distrutto e, inoltre, decine di aziende agricole sono state sommerse dall’acqua. Porrelli tenta di trovare rimedio, avanzando l’ipotesi di una mossa preventiva alle calamità naturali, se non si vuole incappare in decine di milioni di euro di danni. Gli enti tutti dovranno, in futuro, garantire un perfetto assetto idrogeologico, a difesa del territorio e delle aziende agricole.

Secondo l’Alpaa i maggiori danni li stanno avendo i contadini. Difatti, la grandine ha letteralmente tritato frutta, verdura, vigneti e uliveti. Il presidente Porrelli, infine, chiede a tutti i sindaci dell’Alto Tavoliere di avanzare immediatamente una richiesta di stato di calamità naturale, con conseguente blocco delle giornate agricole. Questo perché la maggior parte dei piccoli produttori della Capitanata sono anche braccianti agricoli e con le attuali condizioni meteo non potranno raggiungere il numero di giornate minime lavorative, per accedere agli strumenti di sostegno al reddito.

Ciò sarebbe un’ulteriore beffa per gli addetti ai lavori, già penalizzati dalla progressiva crisi economica che impazza nel Paese.

Tommaso Lamarina

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here