Gal Daunofantino chiama, Gatta risponde

0
8

L’appello del presidente del Gal Daunofantino, Michele D’Errico, rivolto a tutti i soggetti politico-istituzionali sovracomunali (parlamentari, consiglieri regionali, ecc) dell’area daunofantina non è caduto nel vuoto.

Qualche settimana fa D’Errico, su input del nuovo Cda, inviava una missiva con la quale si richiamava l’attenzione di coloro i quali quotidianamente decidono le sorti del territorio, ed ai quali si chiedeva unione d’intenti e concretezza al fine di innescare un virtuoso sistema di risultati e sviluppo auspicati da tempo.

A rispondere presente a tale causa (sino ad oggi) è l’avv. Giandiego Gatta, consigliere regionale e Vice Presidente della IV^ Commissione Consiliare Permanente (Industria, Commercio, Artigianato, Turismo, Agricoltura, Foreste, Pesca), il quale ha inviato il seguente messaggio all’attenzione del presidente D’Errico, il quale ha apprezzato la consueta tempestività e sensibilità dell’avv. Gatta sulle tematiche legate all’area daunofantina:

“Egregio Presidente, nel ringraziarLa per la missiva, che manifesta attenzione per il ruolo e l’impegno profuso dal sottoscritto nel consesso regionale sulle tematiche pertinenti alle attività del Gal, manifesto la mia più ampia disponibilità ad un incontro che possa vedere tutta la filiera istituzionale del nostro territorio sinergicamente impegnata al fine di creare le migliori condizioni per la crescita socio-economica dello stesso. Prego comunicarmi una serie di date possibili al fine di consentirmi di conciliare i vari impegni e di essere personalmente presente all’incontro”.

Dunque, l’avv. Gatta risponde all’invito alla collaborazione partito dal presidente D’Errico che, qualche settimana fa, inviava la seguente missiva:
“Il.mo
in qualità di Presidente del GalDaunofantino, ruolo che mi onoro nuovamente di ricoprire, sono a scriverLE per portare a Sua conoscenza la volontà del nuovo Consiglio d’Amministrazione di voler interagire e rendere partecipi delle scelte del territorio i rappresentanti politici ed istituzionali dell’area di riferimento.

Infatti, nella seduta dello scorso 13 giugno, è stato esplicitamente votato e messo agli atti questo che non è un gesto simbolico e mediatico o una mera richiesta d’aiuto, ma la necessità del GalDaunofantino e di tutto il tessuto economico e sociale di trovare raccordo, unità e concretezza ai problemi di un territorio che, a fronte di una incredibile lunga lista di potenzialità, purtroppo paga a tutt’oggi i segni dell’arretratezza e della competitività.

Si ravvisa, oggi più che mai, la necessità di dare voce e soluzione alle richieste ed alle necessità della nostra terra. Nei primi dieci anni di attività del GalDaunofantino abbiamo dimostrato che per dare linfa non servivano mastodontici progetti e\o soggetti che dall’alto calano le loro volontà, bensì abbiamo utilizzato al meglio le risorse materiali, immateriale ed umane del posto tutelandole e valorizzandole mediante un saggio utilizzo della programmazione a disposizione. Edi i risultati sono sotto gli occhi di tutti, sopratutto per quel che concerne il sostegno all’imprenditorialità la vera sfida da cogliere e rilanciare nella prossima programmazione del Psl.

Il rinnovato Cda del GalDaunofantinosi è reso sin da subito operativo per programmare e rendere fruibili i fondi della nuova programmazione europea al fine di rendere sempre più il Gal agenzia di sviluppo e punto di riferimento per il territorio e la sua classe imprenditoriale.

Pertanto, è nostra intenzione convocare nelle prossime settimane un tavolo al quale far sedere tutti i principali attori politico-istituzionali dell’area daunofantina al fine di determinare un’univoca ed efficace strategia in merito alla definizione ed assegnazione della nuova programmazione comunitaria.

C’è necessità di affrontare assieme e nell’immediato discussioni importanti quali quelle sulle determinazioni del plurifondo, sugli ambiti di intervento (agricoltura, turismo, artigianato, ambiente, servizi alle fasce più deboli),sull’impostazione Leader  e tanti altri argomenti sui quali quotidianamente le Istituzioni e la politica assumono posizioni e decisioni.

Ritengo che non sia più procrastinabile la via dei processi di sviluppo partecipati ed inclusivi che partono dal basso, se non altro per produrre reali risultati e non progettazioni inutili. Siamo stati chiamati a ricoprire i nostri ruoli per fornire risposte ed è nostro dovere farlo nel migliore dei modi e nel minor tempo possibile.

Una strada in tale direzione è stata da noi già convintamente intrapresa con la sottoscrizione di un protocollo d’intesa con il Presidente della Camera di Commercio di Foggia, Dott. Fabio Porreca, e con gli altri Gal di Capitanata al fine di ottimizzare spese ed investimenti, nonché creare una cabina di regia che non faccia ripetere gli errori del passato con progetti fotocopia e\o divergenti tra loro. E’ indubbio che oggi più che mai non possiamo tener conto che solo l’unione fa la forza e che questo principio debba essere la nostra bussola senza farci sopraffare da inutili frenesie e manie di protagonismo dei singoli.

Sicuro di trovare in Lei positiva risposta e valente collaborazione in questo viatico che stiamo intraprendendo, sarà mia cura informarLa sulle modalità di svolgimento dell’incontro sommariamente illustratoLe precedentemente.
Cordialità”.

Ufficio Stampa e Comunicazione Gal Daunofantino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here