Tempo di crisi, avvocati di Foggia posano per calendario

1
5

In principio vi furono i calendari delle star famose come Sabrina Ferilli o Alessia Marcuzzi, poi venne la moda dei calendari più ‘caserecci”’come quelli dedicati alle casalinghe o agli operai di fabbrica e adesso si prospetta anche l’arrivo di un calendario dedicato alla categoria dei ‘principi del foro’.

Che le signore non disdegnino un nudo maschile, purché artistico, per carità, non è certo una novità. Anzi. La moda dei calendari sexy per lady insospettabili è stata lanciata lustri fa da Raul Bova, subito emulata da altri maschi piacenti. Adesso ci si mettono pure gli avvocati. Ohibò.

Gli ‘azzeccagarbugli’, pardon, i principi del foro, di solito irreprensibili e agghindati con ampie toghe retrò, decidono di spogliarsi e, questa volta, la vanità non c’entra affatto ma, purtroppo, la motivazione principale è la profonda crisi economica che attanaglia la categoria ed in primis i legali più giovani, principalmente quelli appena abilitatisi.

Se per gli avvocati il reddito medio della categoria era, prima della crisi, di circa 35 mila euro l’anno, oggi si è ridotto di un terzo, o perfino della metà in alcune zone del Sud. Ed ancora, il 60% non gode del reddito necessario a far parte della cassa previdenziale: 10mila euro l’anno per accedervi.

Se si considera la città di Foggia , 6 avvocati su 10,  non guadagnano neppure i 1000 euro al mese per garantirsi la pensione. I clienti che si contano sulle dita di una mano, qualche problema familiare, così un professionista rischia di trasformarsi in un povero con la cravatta.

E nasce proprio dalla potenziale paventata impossibilità di pagarsi gli oneri previdenziali obbligatori, finalizzati a garantirsi una dignitosa pensione di anzianità,  l’idea di un giovane avvocato 43enne di Foggia, Eugenio Gargiulo, di posare, insieme ad altri 5 altrettanto giovani e fascinosi colleghi per un calendario maschile, i cui proventi saranno destinati essenzialmente al pagamento dei contributi dovuti alla Cassa di previdenza forense.

I 6 giovani avvocati italiani, aderenti all’iniziativa, equamente distribuiti tra legali del Nord, del Centro e del Sud Italia, non sono tuttavia ‘alle prime armi’ nel settore, avendo tutti partecipato, questa estate, a San Benedetto del Tronto, al primo goliardico ‘contest’ di bellezza  tra avvocati, svoltosi nella ridente turistica città marchigiana, che ha visto, per l’appunto vincitore l’avvocato foggiano Eugenio Gargiulo che, dopo una serie di ‘competizioni’ in discipline varie, ha sbaragliato la concorrenza di una 50ina circa di altrettanto affascinanti colleghi.

Ed ora l’originale iniziativa volta a dare una ‘scossa’ , oltre che a focalizzare l’attenzione dei mass media e dell’opinione pubblica sulla questione della effettiva difficoltà in cui incappano attualmente migliaia di giovani e meno giovani avvocati italiani, impossibilitati, a causa della crisi economica a far fronte agli impegni onerosi richiesti dall’iscrizione obbligatoria alla Cassa previdenziale Forense, e spesso conseguentemente ‘costretti’ dalle circostanze addirittura a dover rinunciare al titolo professionale così faticosamente conquistato.

Il calendario sarà firmato da un noto artista della fotografia e sarà in vendita da fine dicembre nelle maggior parte delle città italiane. Chissà se finirà anche nella valigetta di qualche avvocatessa!

1 COMMENTO

  1. Davvero una bellissima idea provocatoria , quella dell’ avv. Eugenio Gargiulo. W i giovani legali con uno spirito di iniziativa come il suo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here