Concorso: Manfredonia pensa a un monumento per re Manfredi

0
12

La cittadinanza l’ha chiesto, l’amministrazione lo riconosce: è necessario un segno di riconoscenza verso l’ultimo re svevo di Sicilia, sarà allora realizzata nel Piazzale Silvio Ferri un’opera artistica che ricordi le origini della città nella figura del suo fondatore, re Manfredi “uomo valoroso ed idealista, monarca attratto dalle scienze e pervaso da uno spiccato gusto per il bello” come ricorda l’amministrazione comunale.

L’opera sarà scelta attraverso un concorso pubblico e concorrerà alla riqualificazione e risistemazione dell’arredo urbano della piazza in questione, dovrà essere elaborata con materiali che ne assicurino la longevità e la resistenza agli agenti atmosferici e alla salsedine marina. “Arco di gentil marina, Figlia di Manfredi e della vergine Beccarino, una gemma Tu sei, fra le daune sorelle. Di Siponto Tua ava fremon ancor le sponde, della gloria di Roma.

O santa, o augusta città, che il Gargano difende e l’adriatico bagna. Cammina…! Và avanti…! Splendori e Onori Tu avrai” diceva lo storico e scrittore Antonio Giuseppe Gentile riassumendo in poche righe la storia antica di Manfredonia ed unendo nel ricordo due figure diametralmente diverse tra loro ma ugualmente importanti: la giovane Giacoma Beccarino, emblema del sacco operato nel XVII secolo dai turchi che la rapirono e portarono in sposa al Sultano, e l’altrettanto giovane Manfredi della casata degli Hohenstaufen, pronipote di Federico Barbarossa, che, quando ormai Siponto era in declino anche a causa delle pessime condizione di salute della popolazione tra le paludi malsane, decise di costruire un nuovo centro abitato che continuasse a godere quanto meno della posizione geografica.

Gli interessati dovranno dunque far pervenire il proprio progetto all’Ufficio Protocollo del Comune di Manfredonia entro le 12 del 20 settembre, la somma destinata per l’espletamento del concorso è di 3.000 euro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here