Atti violenti ai sindaci, da Torremaggiore a Manfredonia “bisogna reagire”

0
20

Non si placano le intimidazioni nei confronti di coloro facenti parte delle amministrazioni comunali locali. Questa volta ad essere raggiunto da colpi d’arma da fuoco, il primo cittadino di Torremaggiore, Costano Di IOrio.

Angelo Ricciardi, sindaco di Manfredonia, addolorato e perplesso su quanto accaduto, alza la voce: “Occorrono segnali chiari verso chi pensa di poter piegare gli amministratori ai propri voleri. In un’Italia che fatica a rialzarsi e che attende riforme realmente significative per la collettività è divenuto ormai troppo frequente, purtroppo, leggere notizie come quella che riguarda il sindaco di Torremaggiore.

Un nuovo episodio di violenza nei confronti di un amministratore locale – prosegue Ricciardi – che genera preoccupazione e sconcerto, oltre che disagio sociale. Manifesto vicinanza e sostegno a Di Iorio per l’azione intimidatoria che colpisce e offende la comunità civile. Sono questi avvenimenti che appartengono ad una strettissima minoranza della popolazione, ma è altrettanto vero che si tratta di gesti che destabilizzano l’intera comunità”.

La Confesercenti di Foggia si unisce all’appello di Ricciardi giudicando l’atto come un vile agguato, ossia un avvertimento a tutta la società civile del paese foggiano. Si parla di un segnale spietato e violento da parte di chi vuole a tutti costi imporre la sua ‘legge’.

Bisogna quindi reagire per far fronte ad un fenomeno troppo frequente che inizia a fare paura. Sono parole del presidente, Carlo Simone, pronto a dilagare il muro contro questa forma di criminalità. Tanta fiducia nei confronti delle forze dell’ordine sulle tracce del responsabile di quest’atto criminoso per dar un po’ di tranquillità alla famiglia del primo cittadino.

La società deve essere sempre tutelata, difesa e protetta da questa forma d’arroganza. Un dato allarmante sulla nostra bella Puglia: triste primato italiano per minacce e atti intimidatori nei confronti di amministratori locali.

Orsola Tasso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here