“Dacci 30mila euro o pagano i tuoi figli”, su storsione a Foggia intervengono associazioni Antiracket

0
9

Piserchia Antonello, classe 1975, e Albanese Umberto, detto Roberto, nato nel ‘56, entrambi pregiudicati di Foggia, sono stati arrestati dalla Sezione Criminalità Organizzata della Squadra Mobile con l’accusa di aver tentato di estorcere danaro a un agricoltore foggiano. Una complessa indagine, delegata dalla Procura della Repubblica di Foggia, ha permesso di far luce su una serie di tentativi di estorsione protratti nel tempo (circa 2 anni): all’agricoltore venivano chiesti 30.000 euro per evitare che a figli e familiari fosse fatto del male.

Intervengono allora la Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane e quelli dell’Associazione Antiracket Vieste che hanno l’obiettivo di offrire agli imprenditori di Foggia un efficace strumento di liberazione.

Tano Grasso , referente della Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura italiane, assieme a Giuseppe  Mascia , Associazione Antiracket Vieste, esprimono tutta la loro solidarietà per la realtà cui sono costretti a vivere diversi  imprenditori.

“L’essenza dell’associazione è quella di essere costituita da singoli operatori economici che attraverso la loro auto organizzazione stabiliscono le migliori relazioni con Forze dell’Ordine ed Autorità Giudiziaria. Solo questo strumento serve per sconfiggere il racket come è accaduto a Vieste e Ercolano e in altre città. Altre iniziative possono pure avere utilità ma senza una diretta partecipazione degli imprenditori non ci potrà essere soluzione duratura.

Sapevamo dall’inizio che la realtà di Foggia non era facile: la strutturale sottovalutazione del fenomeno mafioso, una diffusa omertà ed una sostanziale indifferenza, quest’ultima, solo nell’ultimo anno, attenuata dopo il nostro annuncio del 06 novembre scorso. Ciò nonostante siamo già riusciti a mettere insieme un ristretto gruppo di operatori economici che sarà nostra cura allargare ulteriormente”.

Il prossimo 6 novembre, in occasione della commemorazione dell’omicidio di Panunzio, si terrà  in Prefettura a Foggia, un incontro dove verranno illustrate tutte le attività svolte nell’anno l’operativo. Presenzieranno all’evento la dott.ssa Elisabetta Belgiorno, Commissario Nazionale Antiracket, Prefetto di Foggia Luisa Latella,  il Procuratore Capo della Repubblica del Tribunale di Foggia Leonardo Leone De Castris e del sindaco di Foggia Giovanni Mongelli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here