Spacciatori h24, 8 arresti a Foggia

0
133

Due gruppi criminali, il primo facente capo ad Alessandro Scopece 37 anni, detto il ‘cinghiale’ che, con l’aiuto del fratello Nunzio e dell’amico Amedeo Rizzi, commerciava cocaina.

Gli inquirenti hanno scoperto che i tre, a turno, piantonavano un telefono cellulare a cui pervenivano solo le ordinazioni, un servizio 24 ore su 24 che copriva la zona dei container di via San Severo e quella del gommista lì vicino dove le consegne erano gestite da Sergio Russo, tra gli arrestati di oggi.

Nella zona dei container gli agenti della squadra mobile di Foggia, con la collaborazione del reparto prevenzione crimini e di unità cinofile, hanno ritrovato 50 grammi di cocaina ‘in pietra’ e altre 17 dosi cosiddette ‘da strada’. Stando alle indagini, al gruppo gli affari andavano più che bene: solo nella notte di Capodanno sono state vendute oltre 80 dosi di sostanza stupefacente.

Gli inquirenti nel corso dell’operazione hanno infatti attestato diversi episodi tentando di incastrare Scopece e il suo gruppo già dal 2011, riuscendo però, fino ad oggi, a mettere a segno solo sequestri di droga. Specializzato in eroina invece l’altro gruppo il cui capo, il 44enne tossicodipendente Angelo Bruno, è sfuggito agli arresti di oggi, in lui gli inquirenti identificano il gancio tra i 2 gruppi.

Nella combriccola di spacciatori, che operava in un circolo privato tra via Benedetto Croce e via Tommaso Fiore, pure Michele Consalvo. Manette anche per Antonio Petrarca e Piserchia Augusto legati ai gruppi criminali e accusati di spaccio di sostanze stupefacienti.

Rosaria Albanese

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here