Lucera: ‘Cathedral Shadow’ pone fine a usura e minacce, 3 arrestati

0
63

La vittima dell’usura è la titolare di un bar/ristorante in pieno centro di Lucera che, attraversando un periodo di crisi finanziaria e nell’impossibilità di chiedere un prestito alle banche, è stata costretta a rivolgersi agli usurai chiedendo loro 10.000 euro.

Nei mesi successivi la vittima ha restituito ai tre 20.000 euro, somma versata solo a titolo di interessi con l’intesa che, per la chiusura definitiva del prestito, avrebbe dovuto dare ai tre uomini altri 12.000 euro per il rimborso del capitale iniziale.

A denunciare l’accaduto è stato il marito della vittima probabilmente esasperato dalle continue e pressanti minacce degli strozzini i quali dopo le minacce sono passati ai fatti appiccando più volte il fuoco all’attività.

L’operazione, organizzata dalla Guardia di Finanza e denominata ‘Cathedral Shadow’ proprio perché gli incontri tra vittima e usurai avvenivano nei pressi della Cattedrale di Lucera, è terminata con l’arresto dei tre uomini già noti alle forze dell’ordine: Antonio Aquilano, 46 anni disoccupato con precedenti per tentato omicidio, associazione a delinquere, furto, porto abusivo d’armi, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale e per reati riguardanti stupefacenti ed estorsione.

Salvatore Picciuto, 41 anni operaio con precedenti per usura, rissa, resistenza a pubblico ufficiale, porto abusivo di armi e furto, e Antonio Picciuto, figlio di Salvatore dipendente di una ditta di infissi, incensurato. Ad emettere l’ordinanza di custodia cautelare il gip del Tribunale di Lucera, fondamentale la collaborazione delle vittime che hanno dimostrato grande disponibilità registrando le discussioni avvenute con i loro usurai.

Putroppo il fenomeno dell’usura è in costante crescita a Lucera, infatti dall’inizio dell’anno ad oggi, sono sei (escluse quelle odierne) le ordinanze di custodia cautelare per usura. Il numero della gente costretta a rivolgersi a questi malviventi è sempre maggiore e, come ha tenuto a precisare il Procutatore Capo Domenico Seccia, “Il fenomeno non è affatto trascurabile, anzi è preoccupante e molto pericoloso tanto più perché si rifà ad un reato tanto meschino quale l’usura, che si va ad intrecciare con l’estorsione e gli atti intimidatori”.

 

Vincenza Speranza

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here