Cerignola, ecco gli investimenti per il 2011-2013

0
7

Arriva con sei mesi di ritardo e fra discussioni animose l’approvazione a maggioranza del bilancio, un consiglio comunale caldo quello del 5 luglio in cui a far discutere è la soluzione pensata per i dipendenti dell’ex Asia Spa. “Cerignola riceverà nel 2011 un milione e mezzo di euro in meno di trasferimenti erariali – ha spiegato l’assessore al Bilancio Nicola Gallo nella sua relazione illustrativa – a ciò si aggiungerà nel 2012 un ulteriore taglio di 1.034.521 euro. Fino a tutto il 2013 sono bloccati gli aumenti dei tributi locali, ad eccezione della tassa dei rifiuti. La legge 220/2010, inoltre, ha decretato l’abbassamento dal 15% all’ 8% dell’indice della capacità di indebitamento degli enti locali: ciò significa l’impossibilità di ricorrere a mutui per sopperire ai tagli subiti”. Si escludono però tagli ai diversi settori e si prevede qualche investimento. Per i servizi sociali, in attesa che entrino nella fase attuativa gli interventi previsti dal Piano Sociale di Zona, sarà stanziato più di un milione e mezzo di euro utili a garantire una serie di interventi per le categorie sociali più deboli: anziani, disabili, famiglie in stato di necessità, persone non autosufficienti. Per la manutenzione stradale saranno stanziati i primi 200mila euro utili anche a risistemare la segnaletica stradale, gli  scivoli per disabili. Grazie a un finanziamento di circa 300 mila euro derivanti dal credito Iva, sarà poi ripristinata la convenzione con l’Ac Foggia per riattivare le telecamere collocate in diversi punti della città, tornerà pure il servizio di sosta tariffata. Saranno inoltre assunti a tempo indeterminato quattro nuovi vigili urbani ed altri a tempo determinato. Per la cultura infine riconfermati gli stanziamenti avuti per il 2010. Vota contro l’opposizione “in questo bilancio non vi è niente di concreto, di programmatico, approvato dopo sei mesi omette la parte relativa all’aumento delle tasse” ha detto Gino Giurato, consigliere Pd. Non da meno il movimento politico “La Cicogna” che, per voce del consigliere Loredana Lepore, chiede spiegazioni in merito ad alcune introvabili fatture Asia, che riconoscerebbero all’azienda un credito per 1,9 mln di euro nei confronti del Comune. “Si tratta di prestazioni straordinarie fornite dall’azienda, il Comune omise allora di pagare alcune ‘rate’ di quel corrispettivo. Nascoste nelle 2002 hanno un momento sanante nel 2005: il Comune diede all’Asia l’immobile di via Torino dal cui valore furono decurtate le somme dovute. L’Asia però non ha mai usato l’immobile preferendo pagare l’affitto a privati” ha chiarito il consigliere Pdl Michele Allamprese. Disaccordo anche sulle soluzioni trovate per assicurare il Tfr ai dipendenti ex Asia spa: l’amministrazione comunale ha individuato in una parte dell’Avanzo di Amministrazione, quasi 800mila euro, le risorse da utilizzare per corrispondere quanto dovuto ai lavoratori. ma in consiglio l’opposizione non condivide la scelta preferendo un ricorso al fondo di garanzia Inps. “Non vi sarà nessun danno erariale” rassicura Gerardo Defeudis, consigliere Pdl. Dopo quasi sei ore di discussione e battibecchi il bilancio è approvato con 18 voti favorevoli, 12 contrari, nessun astenuto, manca il voto del consigliere Mennuni che abbandona l’aula.

Rosaria Albanese

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here