Gargano Running Week, Canetta batte avversari e caldo. Bis di Notarangelo

0
19

E’ stata strategica la gara di Canetta (per sua stessa ammissione), che dopo aver fatto stancare gli avversari (ritirati), ha imposto il suo ritmo, battendo, tra l’altro, un avversario ostico come il caldo di questo scorcio di ottobre. Infatti, sia Pizzati, che Tiberti hanno gettato la spugna, complici le condizioni meteo. Il primo, dopo aver preso il largo fin da subito, ha dovuto pian piano fare i conti con il caldo e con i dolori di stomaco che sopraggiungevano ogni qualvolta decidesse di rinfrescarsi bevendo qualcosa. Anche il secondo ha alzato bandiera bianca, lasciando, così, strada libera al milanese, trionfatore. La vittoria di Canetta è stata un tripudio di sole e applausi. Al 2° posto si è classificato l’inglese Stewart, mentre il gradino più basso del podio lo hanno condiviso i marchigiani Federici e Camilloni.

Nell’altra prova, invece, di ‘soli’ 34 km, sempre tra le via di Mattinata, ha trionfato Luigi De Franceschi, fermando il cronometro a 3:11’48’’, staccando di ben 20 minuti il giornalista De Gaetano. Ha chiuso al 3° posto Giuseppe Fatone. Tra le donne ha vinto Marianna Sollazzo, battendo allo sprint finale la Lelario. Si è classificata 3° l’olandese Thomassen.

L’ultima giornata si è conclusa con la ‘Half Matathon’, al mattino, e con la ‘Saraceno Trail’, nel pomeriggio.

Nella prima gara, protagonista assoluto è stato Matteo Notarangelo, che ha dominato dal primo all’ultimo metro. I 21 km, ricavati tra le strade di Mattinata, il partenopeo li ha conclusi in 1:12’03’’, rifilando 2’40’’ all’imolese Baldinetti. Di Paolo, invece, ha chiuso al 3° posto. La classifica femminile ha visto primeggiare Francesca De Luca del team di Barletta. Al 2° posto si è classificata Eleonora Mella, mentre ha chiuso al 3° posto Carmela Viscione, della formazione podisti di Capitanata.

Nella seconda gara pomeridiana, di 14 km, ha scritto il proprio nome nell’albo d’oro il lombardo Riccardo De Gaetano, che ha fermato il cronometro a 58’45’’. Si è dovuto accontentare della seconda piazza Mario Terbonetti. Medaglia di bronzo per Giampiero Bianco. Quindici minuti dopo l’arrivo degli uomini, ecco le donne. E’ salita sul gradino più alto del podio Emma Delfine, con il tempo di 1:14’54’’. Staccata di 2 minuti Giuliana Arrigoni, mentre al 3° posto si è piazzata la svizzera Wyss.

Si dicono soddisfatti gli organizzatori della manifestazione sportiva, che hanno sì promosso il territorio ma anche dato la possibilità agli atleti di mettersi in evidenza, nonostante le anomale temperature di questo inizio ottobre. E’ proprio questo ciò di cui il Gargano ha bisogno: sport, benessere e turismo.

Tommaso Lamarina

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here