Elezioni provinciali, risultati: Miglio a Foggia e Gabellone a Lecce

0
4

Come tutti i giorni postumi alle elezioni o a partite di calcio, arrivano puntuali le varie riflessioni, commenti più o meno pacati ed eventuali ‘mal di pancia’. C’è anche chi si toglie qualche sassolino dalla scarpa, ‘attaccando’ il proprio partito. E’ il caso, questo, di Domenico Farina, portavoce provinciale del partito fondato da Giorgia Meloni, Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale.

“Non si può votare e condividere un percorso e poi fare tutt’altra cosa”. E’ con queste parole che Farina, dunque, si dimette dal proprio incarico. E’ stata un’uscita a sorpresa, appresa con clamore e stupore all’interno del partito. Farina non ci sta a far finta di nulla e continuare a rappresentare un gruppo di dirigenti che vuole utilizzare il partito senza rispettare le regole. A sua detta, è la dignità di uomo integro che lo obbliga a comportarsi in tal modo. Inoltre, Farina tiene a precisare che le sue dimissioni non sono subordinate alla clamorosa sconfitta di Landella alle provinciali ma solo perché i suoi hanno disatteso una decisione collegiale.

Landella, del centrodestra, non si aspettava di certo una sconfitta e punta il dito verso il duo Mongiello-Potenza. Ora è il caso di una seria e sana riflessione, un ‘mea culpa’ obbligatorio, affinchè la coalizione si rafforzi e soprattutto si compatti in vista di altri impegni politici. Intanto, l’inatteso neo presidente, contro ogni pronostico, mantiene vivo il centrosinistra e afferma: “sarò il presidente di tutti”. Esordendo così, Miglio ha intenzione di mettersi subito al lavoro, per ridare lustro all’intera provincia dauna.

Nella parte opposta della Puglia, ossia nella provincia salentina di Lecce, i pronostici non sono stati sovvertiti e ha vinto facile, per la seconda volta, Antonio Gabellone, esponente del centrodestra.

Si dice soddisfatto il consigliere regionale Luigi Mazzei, definendo la vittoria di Gabellone come la vittoria del buon governo, “ha vinto la gestione onesta e trasparente”, afferma. Onestà e trasparenza, dunque. Sono questi gli ingredienti principali che hanno reso il Salento meno permeabile alla crisi devastante degli ultimi anni.

A Mazzei fa eco l’on. Roberto Marti, compiaciuto per la riconferma di Gabellone, perché ciò fa ben sperare a tutti. In aggiunta, ricorda che Forza Italia si è distinta anche nelle province pugliesi di Bat e Taranto. Questo risultato ritiene costituire la vittoria degli ideali.

Tommaso Lamarina

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here