Calcio a 5: Delfini di Manfredonia, disabili e campioni d’Italia

0
34

Sono stati ricevuti dal sindaco Riccardi, in Municipio, i Campioni d’Italia di Calcio a 5 nei Giochi Special Olympics della A.S.D. Disabili Delfino di Manfredonia.

Già: campioni d’Italia. I nostri concittadini hanno conquistato questo titolo sbaragliando la concorrenza e lasciando agli avversari le briciole. I numeri parlano chiaro: 6 vittorie su 6, miglior attacco e miglior difesa.

E se ci fosse stato anche un titolo da assegnare alla squadra che meglio incarna i valori dello sport avrebbero potuto anche ambire a tale riconoscimento, considerata la sportività con cui gli atleti sipontini hanno affrontato gli avversari di turno senza mai infierire, ciò nonostante il netto divario apparso palese.

“Emozionante aver visto gli 11 ragazzi che ci hanno rappresentato a La Spezia con la maglia verde da gioco che fu del nostro Manfredonia Calcio. La ricordavo con piacere – esordisce Angelo Riccardi – perché fu indossata nella vittoriosa trasferta a Lecco. Ora, però, è diventata ancora più bella e preziosa grazie ai campioni d’Italia della Delfino”.

Un risultato sportivo inseguito con tutte le forze tanto dai ragazzi, quanto dal tecnico Luciano Armiento e dal presidente Vincenzo Di Staso. E’ una famiglia la loro. E’ una famiglia per l’affetto e la premura enorme che chiunque operi con la Delfino profonde. E’ una famiglia perché sono tanti i sacrifici che si sono dovuti compiere per essere presenti in quel di La Spezia, basti pensare che l’ultima partecipazione ad una competizione di carattere nazionale era avvenuta nel 2009.

Non vi era nulla di scontato nell’affermazione della Delfino e non è stato affatto semplice anche il solo reperire mezzi per raggiungere la città ligure che ha ospitato i campionati. Un pullmino da 8 posti è stato offerto da don Luciano Vergura della Parrocchia San Carlo, ma non era sufficiente per trasportare tutti.

Quando ormai la tentazione di rinunciare stava prendendo il sopravvento, il colpo di coda del tecnico e dirigente Armiento: mette a disposizione la propria auto, permettendo così il realizzarsi e concretizzarsi dello splendido risultato sportivo conseguito dai suoi e dai nostri ragazzi d’oro manfredoniani.

“Strano ed anacronistico che in una società come la nostra – aggiunge il primo cittadino – che tende alla globalizzazione e all’intercultura ci siano ancora fenomeni di discriminazione, di giudizio del diverso”. La nostra stessa identità procede di pari passo con quella dell’alterità, della diversità. Possiamo dire ‘io’ solo se contemporaneamente diciamo ‘altro’; è ovvia la diversità nella natura, nelle cose create dall’uomo e, quindi, dovrebbe essere ovvia la diversità fra gli uomini stessi.

“Sta a noi dare la possibilità alle persone con disabilità di diventare soggetti socialmente attivi e ciò che realizza quotidianamente la A.S.D. Delfino è encomiabile e meritorio. E’ imprescindibile che si abbandoni l’idea dell’assistenzialismo e si guardi alle persone diversamente abili in maniera attiva, senza pietismo, ma come risorse positive della comunità.

Non dovrebbe mai mancare – conclude il sindaco – il rispetto e l’attenzione verso chi, da una posizione differente e svantaggiata, ci dimostra di essere in grado di insegnarci volontà e forza vitale. Doti che i nostri splendidi undici ragazzi d’oro, il tecnico ed il presidente, mettono a disposizione di tutti, sommessamente. Sta a noi saperli osservare, ascoltare e prenderne esempio. Grazie a quanti hanno concorso a quest’impresa: Manfredonia è fiera di voi”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here