Monte Sant’Angelo, polemica su 12 assunzioni a Parco del Gargano: dov’è il bando?

0
5

A nome di tutte le opposizioni di Monte Sant’Angelo, Pd Rifondazione, Sel, Popolari per Monte, Idea per Monte, E’ la nostra città, Circolo politico le nuvole, Circolo politico Area, pur  stando dalla parte dei lavoratori, riteniamo che il modo di agire degli ‘uomini potenti’ di Monte Sant’Angelo non sia cambiato: ricordiamo il Gac, l’Ufficio Unesco ecc…

Sono innumerevoli le segnalazioni che riceviamo da parte di persone deluse dopo aver ricevuto la promessa di entrare a far parte di queste assunzioni.

Sembrerebbe la solita operazione clientelare con soldi pubblici, in effetti, pare abbia cofinanziato il Parco con circa 60.000 euro.

Cosa ne pensano il sig. Vincenzo Totaro e il presidente del Parco Stefano Pecorella? Come si spiega la mancanza di un avviso o un bando? Come al solito le opportunità a Monte Sant’Angelo si tengono nascoste ai cittadini. Perché il sindaco di Iasio tace di fronte a queste cose?

Crediamo che questa maggioranza possa fare molto di più, considerati i numerisi incarichi che Vincenzo Totaro ricopre (assessore all’Urbanistica e Lavori pubblici del Comune, membro del Consiglio di Amministrazione del Gal Gargano e direttore del Parco del Gargano). Praticamente più potente del suo sindaco Di Iasio e del suo presidente Pecorella. (Ma chi rappresenta?)

Crediamo che si possa fare molto di più a Monte per il lavoro, sono mesi che sollecitiamo una discussione urgente sul Bilancio comunale perché si possano prevedere serie misure di contrasto alla disoccupazione assieme a interventi di razionalizzazione della spesa ed eliminazione degli sprechi.

Ribadendo il concetto che siamo dalla parte dei lavoratori, chiunque essi siano, riteniamo che tutte le operazioni vadano svolte con la massima informazione, trasparenza e legalità, requisiti che troppo spesso sono venuti a mancare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here