Manfredonia: 48 bici per il bike sharing

0
5

Saranno 48 le bici distribuite in 8 punti della città, corrispondenti ad altrettante zone della città, ove sono state collocate le rastrelliere dove poter parcheggiare le biciclette.

E cioè: Largo Diomede (8 biciclette), Piazza Galli antistante il Tribunale (8), Corso Manfredi/angolo Via Fieramosca (nei pressi del campo sportivo, 4), Secondo Piano di Zona – Via Bizantini rotonda Via degli Iris (8), Monticchio – Via Gargano angolo Via Pulsano (4), Piazza Falcone e Borsellino (8), Piazza della Libertà antistante stazione ferroviaria (4), Piazza Marconi (4).

“E’ un servizio – annota il sindaco, Angelo Riccardi – che va al passo coi tempi e che allinea Manfredonia con le maggiori città non solo italiane ma anche europee dove tale servizio è assai diffuso. Credo e spero non sarà un problema per i nostri concittadini utilizzare nel modo più corretto un mezzo di movimento semplice e che concorre a limitare inquinamenti di ogni genere”.

Ma come funzionerà il servizio? “Al provvedimento di istituzione del servizio di bike sharing approvato dalla Giunta Comunale – spiega l’assessore Anna Rita Prencipe – è allegato il Disciplinare che in 12 punti spiega per filo e per segno tutto quanto inerente al buon uso della bicicletta”. Per poter accedere al servizio, l’utente che deve aver compiuto 18 anni, deve munirsi della chiave codificata della bicicletta dopo aver versato una quota di 12 euro, valevole per un anno.

Al punto 5 del Disciplinare sono dettate le norme cui deve attenersi chi utilizza il servizio: la bicicletta deve essere utilizzata esclusivamente all’interno del territorio comunale, è pertanto vietato trasportare la stessa con qualsiasi altro mezzo per utilizzarla altrove, la bicicletta deve essere parcheggiata nella medesima rastrelliera da dove è stata prelevata e nelle medesime condizioni in cui è stata prelevata in modo da consentirne l’uso ai successivi utenti, l’intervallo di tempo di utilizzo del servizio va dalla 6 alle 24 di ogni giornata e l’utente non potrà tenere la bicicletta per più di 4 ore al giorno, la bicicletta allorquando viene momentaneamente lasciata incustodita dall’utente deve da questi essere chiusa con l’apposito cavo antifurto.

Tra gli altri obblighi cui deve attenersi il fruitore del servizio quello indicato al punto 6 del Disciplinare che impone di “condurre e utilizzare la bicicletta nel rispetto delle norme sulla circolazione stradale, nonché osservando i principi generali di prudenza, diligenza e tutela dei diritti altrui”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here