Foggia in serie D con Vaccariello, ma l’assegno da 300mila euro?

0
6

Giuseppe Vaccariello è allenatore dall’età di 23 anni. “Mastico calcio da 30 anni e nel 1987 ho fondato questa società. Ho lavorato per il Foggia dal 1991 al 2002, anche quando c’era Zeman, avviando le carriere di calciatori di altissimo livello come Pazienza, Potenza, Colucci, Brienza, Bianco, Agnelli, Mattioli e tanti altri. Abbiamo svolto un bel lavoro” ha dichiarato l’allenatore.

Nella nota inoltrata ieri mattina dall’ufficio del capo gabinetto del sindaco alla società si legge infatti che nella domanda  “non è dichiarato l’esplicito impegno a presentare ad horas, in caso di ammissione al Campionato di Serie D, assegno circolare di di 300mila euro intestato alla F.I.G.C. (Federazione Italiana Giouco Calcio)”, che “non è dichiarato l’esplicito impegno a cedere a titolo gratuito al Comune, in caso di iscrizione al Campionato di Serie D, la denominazione, il logo e i colori sociali”.

Nella domanda presentata da Vaccariello non sono “sufficientemente esplicitate le referenze economico-finanziarie”, che “il progetto tecnico-sportivo risulta appena abbozzato e comunque non appare di effettiva ed immediata realizzabilità” e in ultimo, che “il business plan pluriennale e relativo piano economico-finanziario è alquanto carente”.

Ma Vaccariello non si arrende e tale nota gli ha fatto supporre di non essere “simpatico al sindaco” insieme al suo team. “Se riusciamo a mantenere il Foggia in serie D, faremo cose straordinarie” dichiara Vaccariello che si dice ottimista e annuncia che entro la giornata di venerdì prossimo sarà tracciato un primo bilancio di questi giorni, in cui il suo pool, costituito da 12-13 persone, lavorerà sodo e si impegnerà per raccogliere una cifra importante, utile a garantire l´iscrizione e la formulazione di un valido e ambizioso progetto tecnico.

Doriana Davenia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here